Cover Lovers #47: “Heir to the Sky” di Amanda Sun

In questa rubrica, ideata da me e dalla mia collega super fantastica Anncleire di Please Another Book, vi parlerò delle copertine che più mi hanno colpito durante questa settimana, che provengano da Blog Tour, NetGalley o solo dalla mia TBR. 

Dopo le atmosfere russe e magiche dello scorso Cover Lovers, andiamo in cielo con il nuovo libro di una autrice che alcuni di voi potrebbero già conoscere. Anche questa volta è un romanzo inglese e in uscita questo anno, il 26 aprile per Harlequin Teen.
I tre indizi di oggi: fantasy, famiglia reale e regni volanti.

Se avete avuto, come me, un piccolo déjà-vu vedendo questa copertina, non vi preoccupate, perché come ho scoperto su Goodreads la ragazza che cade dal cielo è la stessa di “The Accident Season” (che potrebbe essere un ottimo Cover Lovers!). A parte, insomma, di un po’ di sano gossip sulla grafica delle copertine, questa è molto molto bella. Mi piace molto il lettering, ossia il font del titolo, e anche l’effetto particolarissimo a rete che si intreccia nella parte superiore della cover. I colori, poi, sono molto ben equilibrati.
Ma di che parla “Heir to the Sky” di Amanda Sun?

“Come erede di un regno di continenti fluttuanti, Kali ha speso la sua vita vincolata da limiti- dai suoi doveri come membro della famiglia reale; da un fidanzamento forzato con il figlio di un nobile; e dal bordo dell’unico mondo che abbia mai conosciuto – una piccola isola in bilico sopra una mostruosa galleggiante terra, da tempo disabitata dagli esseri umani. Lei è la Fiamma Eterna della Speranza per quello che è rimasto del genere umano, lo stoppino e la cera che brucia in servizio per il suo popolo, e per la loro riverita Fenice, la cui magia li tiene in alto.

Quando Kali cade dal bordo del suo regno e miracolosamente sopravvive, è scioccata nello scoprire che ci sono ancora esseri umani sulla terra. Decisa a tornare a casa, Kali si affida a un robusto cacciatore di mostri di nome Griffin perché la guidi in un mondo invaso da chimere, draghi della tempesta, basilischi, e altre bestie terrificanti. Ma più tempo trascorrerà sulla terra, più inizierà a scoprire le oscure verità oscure che riguardano la sua casa nel cielo, e più risoluta diventerà, iniziando a bruciare per se stessa.

L’idea del continente galleggiante mi ricorda moltissimo la trilogia distopia della DeStefano, quela che inizia con Perfect Ruin per intenderci e di cui avevo parlato in un Weekly Dystopia di tempo fa. Insomma l’idea mi piace moltissimo e mi intriga anche il pensiero di una terra invasa da creature magiche e pericolose.

Inoltre Amanda Sun mi viene consigliata da tempo per via dell’altra sua trilogia, inedita qui in Italia, ma abbastanza conosciuta all’estero. Vi consiglio di dare un’occhiata anche a quella, che inizia con “Ink” e ci porta in estremo oriente.

Appuntamento ad Aprile per scoprire di più di questo romanzo!

A voi la parola e mi raccomando non dimenticate di visitare il blog della mia carissima Anncleire con le copertine che l’hanno colpita di più.

Comments

comments

Comments

comments

Leave a Reply