Cover Lovers #53: “A Million World With You” di Claudia Gray + Estratto primo capitolo

In questa rubrica, ideata da me e dalla mia collega super fantastica Anncleire di Please Another Book, vi parlerò delle copertine che più mi hanno colpito durante questa settimana, che provengano da Blog Tour, NetGalley o solo dalla mia TBR. 

Esce oggi questo bellissimo romanzo e io già mi sto preparando con fazzoletti, cibo consolatorio e preghiere da rivolgere alla Gray. Sto anche obbligando Anncleire a raggiungermi per leggerlo insieme. Diciamo che sono quasi pronta per leggerlo. Se non avete capito di che libro sto parlando, ecco i tre indizi di oggi: multiverso, firebird, YOU.


Se non ricordate il mio delirante post dedicato al Cover Reveal di questa copertina, vi riassumo in un è MAGNIFICA. Un po’ come il resto della serie riprende i mondi che la nostra visitatrice di mondi paralleli preferita attraversa nella sua difficile corsa contro i piani della Triad. Come già nel libro precedente, ci sarà Roma (adoro il Romaverse) e lo spazio (?!), inoltre adoro la combinazione dei colori che in questa serie sono i veri protagonisti.
Di che parla “A Million Worlds With You” di Claudia Gray?

Un milione di universi. Un milione di pericoli. Un solo destino.

Il fato del multiverso si trova nelle mani di Marguerite Caine. Marguerite è stata il centro di una faida tra più universi da quando ha viaggiato ha viaggiato in un altro universo usando l’invenzione dei suoi genitori, il Firebird. Solo ora ha scoperto i veri piani della Triad Corporation – e che quei piani potrebbero essere la condanna per decine o centinaia di universi, ognuno di loro andrebbe incontro all’annichilazione totale. 
Paul Markov è sempre stato al fianco di Marguerite, ma l’ultimo attacco della Triad l’ha cambiato – arrabbiato e offuscato dalla tragedia. Combatte per superare il danno che ha subito, ma nonostante i tentativi di aiuto di Marguerite, Paul potrebbe non tornare lo stesso di prima.
Così sta a Marguerite fermare da sola la distruzione del multiverso. Bilioni di vite sono in pericolo. I rischi non sono mai stati così alti. E la Triad ha svelato la sua ultima arma: una Marguerite di un’altra dimensione – malvagia, psicologicamente alterata, e sempre un passo davanti a tutti.

Nell’epica conclusione della trilogia Firebird di Claudia Gray, il destino e la famiglia verranno messi in discussione, l’amore verrà vinto e perduto, e il multiverso verrà cambiato per sempre. È una battaglia tra Marguerite… e solo una può vincere.

Avevamo lasciato Marguerite davanti a verità scioccanti e un piano di distruzione del multiverso ben congegnato dalla Triad. Ora la ritroviamo a combattere per salvare miliardi di vite scontrandosi contro la sua perfetta nemesi, l’altra Marguerite. Un finale al cardiopalmo per una serie che letteralmente mi ha tenuto col fiato sospeso. Mi aspetto grandi cose dalla Gray e spero che la conclusione sia degna di questo nome, ma in fondo sono abbastanza sicura che lo sarà.

E dato che voglio festeggiare e fare il conto alla rovescia per la versione italiana ecco un brevissimo estratto dal primo capitolo tradotto da me. Per leggerlo in versione originale andate qui, su Epic Reads dove trovate i primi due capitoli per intero.

“Non riesco a respirare. Non riesco a pensare. Tutto ciò che riesco a fare è stare appesa a questo cavo e guardare il fiume sotto di me distante almeno un centinaio di metri. Niente separa me dalla morte se non poche corde di nylon, strette attorno alle mie mani che scivolano già per il sudore.Viaggiare attraverso gli universi può essere spaventoso – ma non mi sono mai ritrovata in una situazione così terrificante come questa.Il panico invade i miei pensieri e trasforma tutto in una situazione surreale. Il mio cervello si rifiuta di accettare che tutto questo sta davvero accadendo – anche se la verità tende le mie braccia e tira i miei muscoli. Ogni fibra del mio corpo provoca per il peso crampi alle dita e mi dice quanto immediato il pericolo sia. Le luci della città sembrano così distanti come se fossero simili a delle stelle. Ma la mia mente urla, Questo è solo un incubo. Tu stai solo immaginando di vedere queste cose. Non può davvero essere reale –Ma il ciondolo del Firebird si trova attorno al mio collo e sta ancora irradiando calore dal mio ultimo viaggio da un altro mondo. Ciò che sto vedendo – il pericolo mortale in cui mi trovo – è decisamente reale. Quindi realizzo che sto a penzoloni da un hovership, uno di quelli che proietta pubblicità olografiche nel cielo scuro. I miei occhi si concentrano su uno dei dettagli della metropoli sotto di me abbastanza a lungo per riconoscere la Cattedrale di St. Paul – e, dietro di lei, un grattacielo futuristico che non è mai esistito nella mia Londra. Il LondonVerse. Sono tornata nel Londoverse, la prima dimensione alternativa in cui ho viaggiato. E apparentemente sarà anche la dimensione in cui morirò.”



Sono stata un po’ diabolica con il taglio della traduzione, ma credo che sia abbastanza per incuriosirvi su quello che vi aspetta in questo terzo volume, oltre che iniziare già a contare i giorni per la traduzione italiana. Pronti a tuffarvi di nuovo nel Multiverso? Fatemelo sapere nei commenti qui sotto!

E non dimenticate di visitare il blog della mia carissima Anncleire con le copertine che l’hanno colpita di più.

Comments

comments

Comments

comments

Leave a Reply