From Page To Screen #3 – Tredici (Thirteen Reasons Why) – Recensione Serie TV

“From Page To Screen” nasce dalla mia voglia di condividere pensieri e idee – da non esperta del settore – su serie tv/film, adattamenti di libri di grande successo. 

Rispolvero questa rubrica per parlarvi di una serie tv speciale, quella di Tredici, Thirteen Reasons Why di Jay Asher. Il romanzo è uscito quasi dieci anni fa, ma l’interesse per la storia è rimasto tanto alto da portarlo nel piccolo schermo con un adattamento abbastanza fedele all’originale e davvero ben fatto.

Avevo letto questo libro molto prima di avere un blog. Incredibilmente, almeno per chi mi segue da un po’, ne divoravo tanti di quel genere, ma Tredici aveva lasciato qualcosa. Gran parte della motivazione dipendeva dalle tematiche e dal fatto che avessi più o meno la stessa età della protagonista, quindi potevo empatizzare con tutte le situazioni in cui si trovava. Il liceo, i compagni di scuola, i problemi e disagi dell’adolescenza, ma anche le situazioni difficili che per quell’età erano un’enorme tragedia in ogni caso. Il mio liceo, però, non era quello di Hannah, erano davvero tutti bravi ragazzi, ciò tuttavia non significava che non ci fossero dell’ostilità nei confronti delle persone che si discostavano dalla massa. Ad ogni modo, Jay Asher aveva colpito nella mia mentalità, nel mio modo di rapportarmi agli altri, anche se con un romanzo all’apparenza semplice e neanche troppo avvincente per chi cerca sempre storie a lieto fine.
Sì, perché, se non conoscete questo libro, inizia tutto con quella che si potrebbe considerare la fine. Non lo è in realtà, come potete immaginare, ma è affascinante che la morte di Hannah, che dovrebbe essere la chiusura di tutto, rappresenta solo l’inizio della storia.

La trama è abbastanza semplice da riassumere: il giovane Clay Jensen trova al ritorno da scuola sette audiocassette registrate da Hannah Baker, la ragazza di cui è innamorato e che è morta suicida due settimane prima. In realtà quelle cassette contengono i tredici motivi che hanno spinto la ragazza a compiere il gesto e si trovavano lì perché persino Clay ne faceva parte. Inevitabilmente si tratta di accuse nei confronti di coloro che la circondavano, amici o pseudo-tali che non sono mai stati in grado di andare oltre alle loro stesse azioni per vedere le conseguenze sulla ragazza.
La storia della serie tv ricalca perfettamente quella del romanzo, ampliando in alcuni punti il lavoro di Jay Asher. I personaggi sono molto meglio caratterizzati e, così, anche gli eventi hanno più spazio per essere raccontati. La scelta, che è piaciuta molto anche all’autore del libro, è quanto più azzeccata possibile. Ed è inutile dirvi quanto è facile vedere uno dopo l’altro tutti gli episodi in poco tempo, tanto si è attratti da una serie che funziona davvero.

La mia scena preferita? In realtà non è una sola ma mi sono molto piaciute alcune delle allucinazioni felici che Clay ha di Hannah. Non so se è per la chimica dei due attori o per la loro bravura, però mi piacevano davvero molto insieme. Tra l’altro gran parte delle loro scene erano più solari rispetto al resto e forse era un po’ ovvio che alla fine mi sarebbero piaciute di più.

Parte del cast alla premiere
Ben più di qualche mese fa, quando avevo condiviso la notizia che Selena Gomez sarebbe stata la protagonista della serie, ammetto di non essere stata molto convinta. Non me ne voglia la Gomez o i suoi fans, ma non mi convinceva nel ruolo di Hannah. Non la riuscivo proprio ad immaginarla. La mia Hannah ideale era molto più simile a Katherine Langford, quella che poi ha preso il suo posto.
Katherine mi ha stregata, perfetta nel suo ruolo e anche in grado di dare molto di più al personaggio. Ad Hannah, infatti, mancava qualcosa, quel qualcosa che Katherine è riuscito a dare anche con un semplice sorriso o uno sguardo, oppure anche solo dall’inflessione della sua voce durante il suo lungo racconto. Un enorme applauso a lei, ma anche alla sua controparte, Dylan Minnette. Il Clay televisivo è ugualmente perfetto per rappresentare il giovane protagonista, un filo problematico, ma sempre pronto a tirar su il prossimo. Persino nei momenti in cui doveva sembrare perso, quasi psicopatico, è riuscito a dare un’ottima interpretazione.
Anche gli altri attori non sono da meno: i genitori di Hannah, così come quelli di Clay, il mitico Tony ma anche Jeff, Alex, Jessica, Justin e tutti gli altri. Davvero, dovrei fare forse un lungo elenco di attori perché tutti danno il loro e rendono alla perfezione il personaggio che interpretano.
Ho già parlato della chimica tra i due protagonisti e davvero ho visto le scintille. Ma è anche bello il rapporto di amicizia che si vede tra Clay/Hannah e Tony, o anche quello tra Clay e Jeff.
Jeff – tra lui e Tony non saprei scegliere il mio preferito!
C’è molta intesa tra gli interpreti di Hannah e Clay e si vede anche nelle scene più drammatiche. La romance in una serie del genere, nonostante le tematiche che sono il vero messaggio trasmesso dalla storia, è importante e i due trasmettono davvero qualcosa. Sono rimasta incollata allo schermo sperando che ci fosse una vera possibilità per loro, che ci fosse altro, che Hannah non fosse morta. Ed è stato un sentimento ancora più forte di quello che avevo provato per i protagonisti del libro proprio per via di loro due (beh, soprattutto per Hannah/Katherine).

Forse contano poco alcuni di questi elementi, eppure in Tredici la fotografia ha un ruolo importantissimo. Con semplici toni diversi ci trasmette l’atmosfera e distingue passato da presente.
I toni caldi di ciò che accade prima del suicidio di Hannah rendono tutto più brillante, più vivo, più felice, nonostante non sempre il clima delle scene è leggero e spensierato. Invece, i toni freddi dominano il presente di Clay, che si ritrova stancamente a rivivere i ricordi della ragazza scoprendo pian piano la verità su ciò che le è accaduto. Non è solo una mera questione di toni  diversi ma anche l’uso della macchina, dei dettagli sempre chiari, della luce che a volte viene a mancare quando le azioni degli altri trasformano la vita di Hannah in un inferno. D’altronde quando va via la speranza nell’uomo va via anche la luce che brilla nelle nostre vite. Sembra quasi di vedere Hannah spegnersi lentamente.
Sempre Hannah è la vera “musica” degli episodi. Ci accompagna con la sua voce e i suoi racconti, tra commenti taglienti e dure condanne. Ad un certo punto lo stesso Clay si domanda se Hannah non sia una di quelle che in letteratura definiamo narratrice inaffidabile. Ma è Tony a venirgli incontro dicendo che quello narrato dalla ragazza non è altro se non il suo punto di vista. Ognuno di noi ha una percezione delle cose, una sua visione precisa di come siano andate e quella di Hannah è sua ma anche parte della verità. Non ci sono vere menzogne nel suo racconto, solo le verità che lei conosce e le sensazioni che ha provato vivendo quei momenti.

Una piccola raccomandazione se volete vedere la serie tv: soprattutto negli ultimi episodi trovate molte scene difficili da vedere e digerire. Se non siete pronti ad affrontare temi come la violenza sessuale e il suicidio, non vedetela, non fa per voi. Se siete troppo giovani per farlo, andate avanti. Credo ci voglia una certa forza per osservare certe scene in qualsiasi serie tv, in questa in particolare.
Non trovo, però, sbagliato l’aver inserito questi momenti, piuttosto che accennare solamente ad essi. Non è crudeltà o voglia di scandalizzare, quanto piuttosto una vera denuncia, interpretata magnificamente dagli attori. Quindi, mi raccomando, attenzione a non tuffarvi nella serie senza non essere certi di ciò che vedrete.

Se la storia, invece, vi ha convinti, lasciate ogni dubbio e andate avanti, fino alla fine. Avrete così la possibilità di riflettere, emozionarvi, piangere ed essere felici nello stesso momento. D’altronde anche se questi non sono temi che vi colpiscono in prima persona, è importante capire cosa provano gli altri a volte vittime delle nostre azioni. I messaggi del libro come quelli della serie tv sono fondamentalmente due: consapevolezza delle nostre azioni e supporto di coloro che ci stanno vicini.
Credo che l’interprete di Hannah sia più brava di me a diffondere un messaggio che condivido appieno e che dovrebbe raggiungere ogni persona stia soffrendo per i motivi più disparati.

“Cercate qualcuno, se vi sentite come Hannah e non potete parlare ai vostri genitori, o non volete dirlo a nessuno a scuola perché vi imbarazza, chiamate un numero di supporto. Parlate con qualcuno anonimamente”
“Semplicemente parlate con qualcuno perché nel momento in  cui iniziate a parlare, tutto diventerà più semplice. E sappiate che c’è una vita oltre quello che provate in quell’istante.”
“Prometto che migliorerà. C’è un intero futuro di cose incredibili che vi aspetta. E se non andate avanti, finireste per non vederlo”

Se questa serie fosse un libro, sarebbe certamente da 5 gocce, tutte importanti e speciali a modo loro.
E non dimenticate, Petrichors, non siete mai soli.

Le foto e le gif provengono dal web, non sono quindi la detentrice dei diritti.

Comments

comments

Comments

comments

Leave a Reply