Bookstagram 101: Account da cui prendere ispirazione, feed chiaro/scuro & book challenge

Petrichors, benvenuti ad un nuovo appuntamento con la rubrica dedicata ad Instagram e alle fotografie a libri e co. Intanto vi ringrazio perché non mi aspettavo fosse accolta così bene e, invece,  mi avete riempito di messaggi. Non sono una bookstagrammer provetta e non mi aspettavo davvero sarebbe stata utile a qualcuno. Ma dovrò ricredermi, no?!
Oggi vi parlo un po’ di alcuni degli account che più amo e che invidio con particolare attenzione ai loro feed e delle book challenge, passando anche per gli hashtag e la loro importanza. 

Per chi non avesse letto il primo post, lo trovate qui.

BOOKSTAGRAMMERS CHE PASSIONE!

Ancor prima di muovere realmente i primi ‘passi’ come fotografa di libri mi sono messa alla ricerca di account da seguire e ammirare. L’idea era un po’ di conoscere quel mondo, scoprirne i segreti e avere sempre una home piena di foto spettacolari che mi ispirassero a migliorare. Nella mia esperienza vi dico che si impara davvero tanto ad osservare e quindi una buona partenza anche per chi non è esperto di fotografia è di iniziare a seguire bookstagrammers che hanno un bel po’ di esperienza.
Io ne seguo davvero tanti, più di quanti ne potrei citare in questa rubrica, ma tenterò di mostrarvi quelli più seguiti e con gli stili più particolari, tanto per dare uno spaccato di quanto sia incredibile questa comunità.
Credit: @nikkiinwanderland
Se penso ad uno degli stili più particolari, mi viene subito in mente Nikki di @nikkiinwanderland. Nikki è una ragazza che vive a Manila, nelle Filippine, e la sua bacheca è sempre così particolare che a volte non ho neanche bisogno di vedere il suo nickname per sapere che si tratta di una sua foto. Seguendola da un po’ ho scoperto che usa anche lei un cellulare e che si affida ad un po’ di applicazioni per Iphone che le permettono di modificare le immagini. Una di queste è VSCO che trovate nell’Apple Store gratuitamente e una che invece la aiuta per vedere se le foto nuove si avvicinano al suo feed è UNUM che permette di modificare le foto, gestire il feed e postare con più facilità alcuni post. Potete leggere il post sul suo blog in inglese in cui parla di alcuni consigli e spiega anche altre applicazioni che a volte utilizza.
Anche se ho un debole per il suo vecchio feed che aveva tocchi di verde acqua le sue foto hanno quel tocco di naturale/colori caldi che adoro. Come potete vedere, tra l’altro, il suo feed è molto meno ordinato di altri, ma ogni immagine si richiama con la precedente grazie ai filtri usati.
Credit: @myriadinklings
Completamente opposto lo stile di un’altra bookstagrammer, Jen di @myriadinklings, che realizza le sue foto sia con il cellulare che con una delle sue macchine fotografiche. Il suo stile prevede principalmente tanta luce, sfondo bianco delle lenzuola, toni il più possibile pastello e una miriade di oggetti a tema e non.
Nel suo blog ha una rubrica simile alla mia da cui potete prendere altri spunti interessanti, oltre che potete leggere i suoi consigli. Tra l’altro Jen colleziona anche oggetti di cancelleria di tutti i tipi e li mostra spesso nei suoi post. Adoro la qualità delle foto che fa e anche se a volte sembrano iper organizzate o molto piene di caos si vede che ci mette davvero tanto impegno. E ovviamente le invidio da morire anche la sua bravura nel lettering, la nostra calligrafia, che è quasi una costante delle bookstagrammers più famose.
Credit: @hafsahfaizal
Un esempio perfetto di questa mia ultima affermazione è Hafsah di Icey Books/@hafsahfaizal. Seguo Hafsah da quando non aveva ancora aperto il suo account Instagram e scriveva nel suo blog Icey Books: è una ottima book blogger, una scrittrice ma anche una bravissima illustratrice. Amo letteralmente il suo blog e i suoi lavori!
E, come potete vedere, non è da meno come fotografa. Oltre ad usare oggetti non convenzionali (tra cui le armi che le invidio da morire), utilizza sue creazioni, come notebook e candele, che da poco realizza lei stessa. Il suo stile è meno schematico degli esempi precedenti, ma ha dettagli di entrambi: sfondi chiari e luce, sfondi scuri e colori accesi. E, in fondo, l’impressione è sempre di qualcosa di lineare e molto coeso. Esaminando bene le foto ho l’impressione che scatti con una macchina fotografica, ma non ne ho la certezza. I suoi set hanno, comunque, una luce abbastanza uniforme con giusto qualche ombra e credo usi anche Photoshop per modificare al meglio l’immagine.
Credit: @bookswrotemystory
Altro stile diverso è quello di Brittany di @bookswrotemystory. Tanto colore abbinato ad un feed prevalentemente chiaro. Una delle particolarità è anche la dissolvenza che a volte usa nelle foto. Un sottile strato più chiaro che rende tutto come in un sogno. In altre foto, invece, è tutto molto nitido. La mia impressione è che, a parte per un gusto personale, usi a volte il cellulare e a volte una macchina fotografica. In generale usa file di libri colorati, del tessuto grigio come ‘cornice’, fiori finti (e molto spesso bianchi), Funko Pop, candele e altri oggetti a tema libri. Il suo stile è all’apparenza caotico, ma molto ben studiato. Adoro soprattutto quando usa la sua libreria come sfondo perché è davvero bellissima e iper-colorata come il resto delle sue foto. Come vedremo più avanti, il bianco dello sfondo e uno stile iper colorato sono particolarmente indicati per chi vuole fare foto minimaliste e comunque sfrutta molto la luce.
Credit: @miss.fiction
Ultimo esempio tutto made in Italy è quello di Tiffany, alias @miss.fiction, che mi ha conquistata con i suoi scatti all’aperto. Se non avete un parco/bosco/giardino a vostra disposizione probabilmente è lo stile meno facile da cui prendere ispirazione. Vi posso assicurare che le foto all’aperto poi non sono così semplici da fare e quindi va il mio plauso a Tiffany per la sua bravura e la bellissima qualità dei suoi scatti. Il suo stile è molto ‘dark’ con tocchi di colore dati dai libri o dalla natura intorno a lei. Bellissima anche l’idea che sia spesso la ‘modella’ delle sue foto perché rende molto personale l’immagine e il senso stesso della fotografia. Credo usi anche una bella macchina fotografica, ma sono solo ipotesi. Certo, però, i suoi scatti hanno tonalità simili che mi fanno pensare anche a qualche filtro particolarmente efficace.
Ci sarebbero almeno altri cento account di cui vi potrei parlare, e, se vorrete, prenderò altri esempi per esaminarli con voi in futuro.
Ovviamente per me l’ispirazione non è copiare, anzi, quanto capire come funzionino i colori e i vari effetti per creare infine un nostro stile unico. Guardarsi un po’ intorno permette anche di capire ciò che piace e interiorizzarlo in qualche modo. Inoltre, imparerete a capire cosa funziona in una foto e cosa no, avendo più o meno nella mente un’idea da seguire.

FEED: CHIARO O SCURO?

Se il vostro intento è di avere un feed ben riconoscibile la prima decisione è tra feed chiaro e scuro, o comunque tra la mescolanza dei due. Come avrete capito dagli esempi qui sopra, molto spesso dipende tutto dal background che usate. Tendenzialmente se usate un set avrete un grande controllo del vostro feed, mentre se fate foto all’aperto sarà tutto molto più casuale.

La mia credenza bianca è perfetta
per un feed chiaro.

Come lascia intendere la stessa parola, i feed chiari dipendono quasi sempre da sfondi bianchi o molto chiari come piani bianchi, lenzuola, coperte e tanto altro, mentre quelli scuri da sfondi colorati. Entrambi, però, richiedono le stesse attenzioni, ossia la luminosità alta e tanti effetti di contrasto per differenziare il libro dallo sfondo e farlo risaltare.

Il passaggio al feed scuro
grazie alla coperta viola e ad un
“cattivissimo” Piton.

Per mia esperienza personale, credo che gli sfondi chiari siano più facili da fotografare e gestire. Vi basta poco, anche non troppo luce, per riuscire a creare una foto di grande effetto. Certo, potete sempre arricchirli, aggiungere colore, usare sfondi non proprio lineari, però in generale trovo che sia più semplice utilizzarli per le foto e che rimandino abbastanza luce anche per chi non ha fotocamere professionali. Quelli scuri, invece, richiedono molta luce e tanta pazienza, perché non sempre è facile far risaltare il libro o trovare il giusto colore di sfondo che stia bene con tutto.
Se la mia credenza della cucina è perfetta per il feed chiaro, la mia coperta viola permette di creare foto per il feed scuro molto particolari e piene di luci e sfumature. Nel mezzo trovate milioni di altre foto con gli sfondi più improbabili: il mobile da giardino che ho in terrazza, un tappetino di bambù, altre coperte. Mi piace molto sperimentare e quindi chissà prima o poi cosa arriverò ad utilizzare!
Potete scegliere quale è il vostro sfondo preferito, ma soprattutto potete usare gli oggetti che avete a casa per creare ‘pattern’ creativi e alternare le vostre foto.

HASHTAG E BOOK CHALLENGE

Da non sottovalutare mai gli hashtag sono i nostri migliori amici. Indicizzare nel modo esatto un contenuto come quello delle foto su Instagram permette di essere più visibili nel web (stessa cosa vale per i blog tra l’altro). Quindi non dimenticate mai di utilizzare tutti gli hashtag che vi vengono in mente, senza però eccedere, perché sennò il vostro post non verrà pubblicato.

Sapete indovinare gli hashtag
di questa foto?

Esempi possono essere: #bookstagram, #book, #libri… Ce ne sono davvero per tutti i gusti e nella maggior parte dei casi sono anche molto usati e potrete trovare tante persone che hanno i vostri stessi gusti solo seguendoli e sfogliando qualche foto.
Inoltre, in base al nuovo logaritmo di Instagram, sarà più facile trovarvi attraverso gli hashtag che far vedere effettivamente le foto ai vostri amici. Nella maggior parte dei casi, infatti, come su Facebook dovete attivare le notifiche per vedere i post di coloro che seguite.
Altro aiuto importantissimo per chi vuole mettersi alla prova ma non ha mai idee su cosa postare oppure vuole una vera e propria sfida sono le book challenge. Le sfide di fotografie a colpi di libri che riempiono Instagram forse sono la parte più divertente per sperimentare cose nuove e magari parlare di libri che abbiamo letto tantissimo tempo fa e vogliamo consigliare anche ad anni di distanza. Ce ne sono per tutti i gusti e personalmente ne trovo sempre tantissime ogni fine mese, ma ne riesco a malapena sempre a seguire una. Sono le stesse bookstagrammer a organizzarsi, a volte creando gruppi di lettura, altre volte con premi o semplicemente con la possibilità di condividere le vostre foto nei profili più seguiti. Possono essere italiane o americane, ma comunque sono tutte molto interessanti e libere all’interpretazione più originale.
Ultimamente ho partecipato alla #fanaticalbirdmarch e alla #fanaticalbirdapril, organizzate entrambe da @fanatical.fantasy e @littleliterarybird, due ragazze australiane che ogni mese accoppiano anche un gruppo di lettura su un libro interessante e anche un giveaway di un buono su Book Depository. Il libro della #fanaticalbirdmay è tra l’altro ACOWAR quindi non potete mancare!
Altra sfida tutta italiana quella della #mmaprilbookchallenge, ideata da @_welovebooks_ e @lamartynabooks, che il prossimo mese diventa pure internazionale (la trovate qui quella per Maggio!).
Ce ne sarebbero altre migliaia e ne potete anche creare una voi, vi basterà scegliere i temi per ogni giorno e invitare i vostri amici a partecipare. Ovviamente se ne volete segnalare qualcuna in particolare, scrivetelo qui sotto così che anche gli altri potranno scoprirla!

Piccolo consiglio: se volete far conoscere il vostro stile usate #bookishfeatures o #bookstagramfeature. Si tratta di due account molto speciali (@bookish.features & @bookstagramfeatures) che postano le foto di coloro che taggano le loro immagini. Attraverso un repost e ovviamente l’accreditamento dell’immagine potete ricevere più attenzione e followers.

Per oggi l’appuntamento finisce qui, nei prossimi post parleremo di effetti e modifica delle immagini.

Se avete un account Instagram, scrivetelo qui sotto nei commenti, intendo fare una bella lista di persone da seguire e la inserirò alla fine di ogni post, perché così possiamo conoscerci meglio e scambiare tante chiacchiere anche lì. Il mio account è @petrichorreads, se già non lo conoscete!
Ovviamente se avete domande o ci sono degli argomenti di cui vorreste che parlassi, scrivetelo e ne parlerò nel prossimo post.

Altri account di Petrichors da seguire assolutamente? 

Buona lettura e buone foto!

Leave a Reply