Bookstagram 101: Bookstagrammers che passione parte 2, il mio feed

Buon lunedì, Petrichors, e benvenuti ad un nuovo appuntamento con la rubrica dedicata ad Instagram e alle fotografie a libri e co.!
Oggi vi parlerò ancora una volta di alcuni account da seguire e poi vi mostrerò un po’ il mio set fotografico preferito e vi parlerò delle modifiche che apporto alle foto.

Per chi non avesse letto il primo post, lo trovate qui.

BOOKSTAGRAMMERS CHE PASSIONE! parte 2

Vi avevo presentato cinque bookstagrammers nella scorsa rubrica e ho deciso anche questa volta di continuare con altre bacheche colorate e piene di ispirazione. Come al solito l’indicazione generale è di non copiare ma semplicemente trovare la propria via e sviluppare uno stile proprio.
@the.booklovers.guide
Sally di @the.booklovers.guide non è solo una blogger ma anche una ottima fotografa. Adoro i suoi filtri ‘naturali’, molto tendenti al marrone, ma mi piace anche che ci sia molto nero e un contrasto scuro nelle sue foto. Utilizza delle macchine fotografiche soprattutto per le sue foto all’aperto e potete scovare le sue macchine nelle foto che inserisce su Instagram. Il suo feed forse è meno coeso di altri, ma c’è sempre un filo che lega tutte le immagini e, anche quando non è all’esterno, le sue foto hanno gli stessi toni. Adoro da morire anche gli oggetti che usa, che sono molto particolari e lei stessa ammette che li ha trovati su internet o ebay.
Nel suo blog ha dedicato un post al suo modo di fare fotografie e i punti cruciali sono: conoscere le tecniche della fotografia (lei ha seguito questi tutorial a pagamento); usare tanti oggetti particolari e colorati; tanta luce che secondo lei dovrebbe essere la prima al mattino o nel primo pomeriggio; lo stile delle foto che può essere anche usare un wallpaper come sfondo (d’altronde lei fa così!).
@kkat.xy
Credo che Kat di @kkat.xy sia stata una delle prime bookstagrammer che ho seguito. Amo le sue foto e invidio profondamente la sua stanza/libreria. Ho bisogno anche io di una stanza così! *sigh*
A parte il lato frivolo, Kat è una ragazza tedesca che recensisce e legge non solo libri nella sua lingua, ma anche in inglese e tantissimi manga.
La chiave del suo stile attuale è la classica foto dall’alto su sfondo bianco. Nonostante utilizzi molto contrasto e le ombre siano accentuate, il suo feed è chiaro e molto meno colorato di altri. Mi ricorda in effetti un po’ quello di Sally per i toni marroni (probabilmente utilizzano un filtro simile). Fa quasi sempre le foto con la macchina fotografica e si organizza realizzandone tante in una sola sessione. Potete persino vedere un suo retroscena qui, dove dice anche che ha fatto più di 100 foto e non stento a crederlo per tutte le cose che ha uscito fuori dalle scatole e i libri in giro!
@britbookboy
E ora per par condicio, anche un ragazzo, Andrew di @britbookboy. Forse è uno degli account che seguo da meno tempo, ma adoro il suo stile e mi sono innamorata di ogni singola foto. Come potete notare predilige le foto all’aperto, ma ne realizza anche al chiuso dando in questo caso molto spazio all’attenzione per i dettagli. Il tono delle sue foto più recenti è molto simile a quello di Sally, ma se vedete le precedenti c’era anche un bel po’ di sottotono blu/grigio. Rispetto alle altre due bookstagrammers, il suo stile è all’apparenza più semplice, fatto di pochi dettagli ma di tanto lavoro per realizzare una foto memorabile e probabilmente anche di post-produzione.
Dalla risoluzione delle immagini suppongo usi una macchina fotografica che sarebbe anche la scelta migliore per chi realizza foto all’aperto. Anche i filtri sembrano abbastanza elaborati e credo usi Photoshop per modificare le foto e mantenere un’ottima qualità.
La prossima volta vi parlerò di bookstagrammer meno famosi ma che meritano un bel po’ di attenzione per le foto stupende che realizzano.

IL MIO SET FOTOGRAFICO E LE MODIFICHE CHE APPORTO ALLA FOTO

Dopo aver parlato di feed e di tanti altri account, tocca parlarvi di me.
Il mio non è un vero e proprio stile, diciamo più una sperimentazione. Mi piace ancora troppo sperimentare per avere una bacheca ben definita e al tempo stesso se la volessi dovrei quanto meno sforzarmi di lavorare con una macchina fotografica (ma qui la pigrizia regna sovrana!).
Nei feed vi mettevo a confronto i vari set che uso dalla credenza bianca alla coperta viola che mi fa da sfondo nelle ultime foto. Partiamo proprio dalle foto con sfondo scuro che tanto mi – e vi – piacciono.
Il retroscena di una delle mie ultime
foto pubblicate.

Come potete vedere dalla foto qui a fianco, molto spesso ritaglio lo spazio della foto e riprendo dall’alto i libri evitando tutto ciò che c’è intorno. Altre bookblogger fanno come me, creando un piccolo angolo dove scattare le foto, anche sul pavimento, dove poi fanno dei veri close up ai libri. Personalmente preferisco sempre un tavolo – in questo caso quello della mia cucina – e riprendo quasi sempre dall’alto, evitando tutto il caos di fiori finti e farfalle che poi rimane nella tavola se faccio più di una foto.
Gli oggetti di scena li tengo quasi sempre a portata di mano, in una delle mensole della mia stanza, ma almeno sono molto veloce a realizzare lo scatto che cerco. Quasi sempre parto con una idea, o mi ispiro alle book challenge, sapendo già cosa va bene e cosa no. I libri scuri ad esempio risaltano davvero poco con questo sfondo viola, quindi tendo a mettere più oggetti di scena colorati per dare un tono di vivacità a tutto. Quando, invece, ho libri chiari, riduco all’osso le decorazioni. In generale tendo anche a cambiare pose, libri e fiori, così da non ripetere troppe volte le stesse cose.
A differenza di altri, raramente preparo le foto in anticipo. Anche quando ci riesco, tento di scattarne giusto due o tre in più, ma sono quasi sempre di corsa, quindi di solito le foto che scatto quel giorno le pubblico in giornata. Su questo, mi raccomando NON seguite il mio esempio! *lol*
Altra differenza con gli altri, quasi mai scatto un centinaio di foto con lo stesso ‘set’, anzi di solito realizzo massimo due scatti, lasciando molti degli aggiustamenti all’applicazione Instagram. A volte, addirittura realizzo un solo scatto per ogni foto, come nel caso dell’immagine qui sotto.

Nonostante usi sempre la luce naturale e gli orari centrali della giornata quando la luce è al suo massimo, le foto non risultano mai troppo luminose. Nel caso dello sfondo scuro che uso e dell’effetto che voglio, è anche un bene, perché mi piace che poi i colori risaltino in un certo modo. Certo, con lo sfondo chiaro le foto risulteranno leggermente più luminose, perché appunto uso il bianco di sfondo che dona luminosità. In generale, per qualsiasi foto che scatto, i passi che seguo nella modifica nella applicazione di Instagram sono questi:

  • Tagliare o ritagliare la foto nel caso non sia un 1:1, ossia una foto quadrata. Solitamente realizzo solo foto quadrate perché mi piacciono molto, ma quando non lo faccio tendo a ritagliarle. Poi molto spesso ritaglio anche quelle quadrate perché mi accorgo che ci sono dettagli che non mi piacciono e allora li elimino dalla foto.
  • Imposto il filtro Clarendon con Luce al 50%. Quasi tutte le mie foto hanno di base quel filtro, anche quando si tratta di foto chiare. Mi piace particolarmente e quando non va bene per qualche dettaglio uso anche il Lark o il Juno. Sta molto a voi la scelta del filtro. Se usate Photoshop ne trovate davvero tanti online gratuiti.
  • Selezionato il filtro, faccio le modifiche. Quasi sempre ritocco Luminosità, Contrasto, Struttura, Calore, Saturazione, Alte Luci, Ombre e Nitidezza. Aumento o diminuisco i valori in base alla foto che ho scattato. Di solito di Struttura e Nitidezza metto valori alti perché mi piacciono le foto molto nitide. Alte Luci e Ombre devono essere ben bilanciati con la Luminosità e il Contrasto. Stessa cosa Calore e Saturazione, anche se questi di solito li aumento entrambi. Il mio consiglio è di andare passo passo e modificare ogni opzione per poi andare a ritoccare le cose che non ci convincono.
  • A questo punto o salvo la bozza per modificarla e postarla successivamente, oppure pubblico inserendo gli hashtag soliti e la descrizione.
Una delle ultime foto che ho fatto
stavolta all’aperto!
In generale se modificassi le foto con Photoshop utilizzerei quasi le stesse modifiche sostanziali. Un po’ di effetto nitidezza, una sfocatura superficie e via con regolazioni dell’immagine come luminosità/contrasto e la correzione colore selettiva. Che poi sono più o meno i passi che seguo quando modifico una immagine di grafica di qualsiasi genere.

Altra cosa, qualche giorno fa ho scelto di fare uno scatto all’aperto e devo dire che sono rimasta colpita dal fatto che sia venuto davvero bene, nonostante la foto realizzata con il telefono e la luce grigia di quel giorno. Tra l’altro l’ho scattato qualche ora prima del tramonto e quindi la luce non era troppo intensa ma neanche così poca da non far venire bene una foto.  Forse l’unica cosa negativa è il fatto che le lucine led che utilizzo si notano decisamente di meno all’aperto, ma sono abbastanza soddisfatta del risultato ottenuto. Potete vedere il risultato finale qui.
Per il futuro vorrei tanto comprare un fondale fotografico con effetto legno o marmo. In particolare mi piace questa azienda, la Mini Backdrops, che mi ha segnalato Martina di Liber Arcanus e che realizza sfondi davvero belli in carta e vinile. Se non fosse per il costo davvero alto, l’avrei già quasi ordinato, perché sono molto più belli di altri sfondi che ho visto su Amazon o in altri siti online. E poi magari comprerò altri fiori per abbellire le foto. Non ci sono decisamente mai abbastanza fiori in questa casa!

Per oggi l’appuntamento finisce qui, ma sono sempre a vostra disposizione per commenti, domande o argomenti di cui dovrei parlare. Buona lettura e buone foto!



Se avete un account Instagram, scrivetelo qui sotto nei commenti, intendo fare una bella lista di persone da seguire e la inserirò alla fine di ogni post, perché così possiamo conoscerci meglio e scambiare tante chiacchiere anche lì. Il mio account è @petrichorreads, se già non lo conoscete!

Altri account di Petrichors da seguire assolutamente? 

Comments

comments

Comments

comments

Leave a Reply